Vittore Buzzi | Ispirazione, idee in fotografia
Ispirazione, idee in fotografia
Ispirazione, idee in fotografia
19429
single,single-post,postid-19429,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive
Venice

Venezia e la profondità

Buzzi_180317_00268

Venezia e la profondità

Viviamo in un mondo superficiale e distratto
Non mi sto lamentando non è uno dei tanti pipponi in cui sentite un fotografo lagnarsi dicendo che il mondo è cambiato, la fotografia è cambiata, e  che non c’è più nessun rispetto per la vera cultura…
Questo mondo superficiale fatto di mezzucci, di persone incolte rapaci, boriose e piene di se in realtà è una grande OPPORTUNITÀ per chi riesce a dare PROFONDITÀ a quello che sta facendo

Lo studio, la conoscenza, l’amore per quello che fai e l’approfondimento non sono democratici non sono frutto di una espressione di volontà, sono la VOLONTÀ  che prende forma attraverso il lavoro e l’approfondimento…
Oggi due righe due parole due foto e si sa tutto… Ci si fa belli sulle bacheche dei social… Si finge di sapere…
Però se riuscite a non mollare e a fermarvi ad affrontare le cose con pazienza a riattivare il vostro pensiero allora vi sia aprirà un mondo del tutto nuovo…
Certo non avrete i favori del pubblico, anzi il vostro pubblico si restringerà… Però voi starete meglio e produrrete qualcosa di più importante.

Cammino per Venezia, ho lasciato il telefonino a casa… Non voglio essere disturbato, ho solo la macchina fotografica con me… Capita sempre più spesso di prendermi delle pause dal sempre connesso… Di chiudere gli occhi, di ritornare a respirare e di leggere un libro… Si lo so uso il Kindle… ma non sono sulla rete… rimango con i miei dubbi non potrò cercare subito su Google un autore o un parola difficile… rimarrò però con il mio libro, con la mia passeggiata, con le mie sensazioni con i miei pensieri…

Il mondo cambia così velocemente che un sacco di lavori sono sull’orlo dell’estinzione… Le calli rimbombano di voci che parlano a delle macchine: “Siri chiama XXX” o “Ok Google portami al Rialto”… L’impatto dell’intelligenza artificiale ha iniziato ora ad affacciarsi in fotografia…

Venezia galleggia in queste mattine di fine inverno, la pioggia ha lasciato spazio ad una leggera foschia destinata a sciogliersi nella brezza leggera che spira dal mare…

Per mettere a frutto il proprio lavoro oggi servono capacità, talento, fatica, un minimo accesso al capitale e la comprensione che la tecnologia deve essere utilizzata per aiutarci in quello che facciamo e non per perdere tempo
Se non arriviamo in fretta a questa conclusione e  non decidiamo di utilizzare quello che il mondo ci offre in maniera sana rischiamo di ingrossare le schiere delle persone insoddisfatte che piano sono state spinte fuori dal mercato o peggio ne diventano degli schiavi…

Mi diverto a fare foto sovra esposte a mettere in pratica una cancellazione dei colori…
Al giorno d’oggi siamo chiusi in una spirale di continuo apprendimento…
Mi rendo conto che quando studio gli autori che mi interessano è per me importante mettermi in una situazione di non disturbo…

Mi piace passare delle giornate in completo silenzio a pensare a riorganizzare le idee a scrivere o a vedere cosa ho scritto sulle mie agende… Sono momenti importanti e creativi che mi portano a mettere in connessione idee lontane che semplificano la visione, purificano lo sguardo…

In piazza San Marco ho preso il vaporetto in maniera distratta, fuori vento e umido, mi sono accoccolato a guardare la città da un finestrino e sono atterrato al Lido… Sabbia sotto i miei piedi strutture in cemento e metallo mi guardano stupite…

Mi concentro sulle sensazioni che pervengono dal paesaggio… Sono in profonda connessione con loro…

Venezia e la profondità…

Eppure è così eterea… Galleggia…

Questo serve oggi in un mondo distratto e superficiale un po’ di profondità.

Se siete curiosi di sapere chi mi ha ispirato:

Luigi Ghirri

Massimo Vitali

I più attenti potranno notare che c’è una differenza che può sembrare banale ma che  è profondissima, aspetto le giornate che hanno quella sensazione… non fotografo se c’è il sole, attendo la foschia e le nuvole… Non è un attesa delle forme ma della mente… Un calmare, meditare…

Buona giornata.
Se siete arrivati fino a qua condividete… :-)

Venez

Vittore Buzzi

1Comment

Leave a Comment